Progetti

Progetti

Re-living

RE-LIVING

Il progetto Re-living ha come finalità quella di prevenire e combattere i fenomeni di povertà ed esclusione sociale, in particolare riferimento alle condizioni di fragilità di molte donne dell’Alto Vicentino, attraverso il potenziamento e la valorizzazione dei servizi di accoglienza presenti nel territorio e la creazione di nuovi spazi di ascolto e di integrazione sociale e lavorativa.

Il progetto è coordinato da Progetto Zattera Blu Onlus e attuato in parternariato con la Cooperativa Samarcanda, la Conferenza dei Sindaci dell’ULSS 4, il Comune di Schio e il Comune di Thiene, l’azienda Turo Spa.

Nello specifico, il progetto intende potenziare e attivare nuovi percorsi di accoglienza, di supporto materiale e psicologico (in un’ottica di empowerment), di accompagnamento all’inserimento lavorativo e all’impiego femminile associato, per sopperire alle necessità primarie di donne che vivono in condizioni di povertà, favorendo una maggiore presa di consapevolezza delle loro risorse e il raggiungimento di una autonomia socio-economica.

Il progetto avrà una durata complessiva di 18 mesi e prevede il coinvolgimento attivo di 70 donne in grave stato di povertà e disagio, segnalate dai Servizi sociali.

A braccia aperte

A BRACCIA APERTE - le famiglie fanno rete insieme.

Un progetto per l’avvio di reti di famiglie per la vicinanza solidale

La crisi in atto sta determinando situazioni di difficoltà per molte famiglie. Per superare questo periodo vogliamo scommettere sulle famiglie stesse.

A braccia aperte_PZB

Le famiglie aiutano le famiglie…
… valorizzare le potenzialità delle famiglie, la loro capacità di generare solidarietà, di costruire relazioni di vicinanza, amicizia, aiuto reciproco.

La finalità del progetto è quella di costituire e implementare delle reti di famiglie che, in sinergia con le istituzioni pubbliche divengano risorsa per la collettività e altre famiglie, con particolare riferimento a situazioni di disagio, valorizzando la competenza relazionale interna alla famiglia stessa, capace di mettere in rete relazioni interne ed esterne basate su azioni di solidarietà, reciprocità e cittadinanza attiva.

Il progetto intende inoltre favorire una maggiore collaborazione tra servizi pubblici e privati, nell’ottica di potenziare il ruolo della famiglia non solo in riferimento ai compiti di cura, ma anche come elemento chiave in grado di rispondere ai bisogni della comunità, soprattutto nei casi di disagio psico sociale di bambini e bambine, ragazzi e ragazze.

Il progetto pilota è stato finanziato dalle Regione Veneto e sarà coordinato da Progetto Zattera Blu onlus e attuato in parternariato con la cooperativa Radicà di Calvene (VI), il coinvolgimento attivo dell’ULSS 4 e di 7 Comuni (Breganze, Salcedo, Fara Vic., Lugo di Vicenza, Calvene, Caltrano e Carrè)e altri soggetti del terzo settore e privati.

Nello specifico, il progetto ha come obiettivo quello di sensibilizzare, formare e attivare reti di famiglie per la vicinanza solidale come espressione di cittadinanza attiva.

Si tratta di famiglie che, sotto diverse forme, hanno intenzione di impegnarsi per supportare con diverse modalità altre famiglie, in situazione di difficoltà o ai margini della comunità.

Le famiglie e la comunità stessa diventano così protagoniste e risorsa fondamentale per superare momenti critici e di cambiamento, per rispondere a momenti di disagio che si creano all’interno di esse, promuovendo relazioni sane, di fiducia e di condivisione e benessere al suo interno.

Lascia un Commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>

Current ye@r *